Vai al contenuto

L’Amazzone e la Inner Warrior

A volte vorrei avere un fratello, forte e cattivo che picchia tutti quelli che mi prendono in giro. Poi mi ricordo che come un'amazzone ho solo sorelle, poi, mi ricordo che di tutte e tre sono la più forte, quella su cui si può contare sempre.

Allora mi dovrei ricordare di essere la regina delle amazzoni. Forte e fiera, che vi disprezza perché dotati in un'intelligenza sottosviluppata. Non ha paura di nulla, nulla la può scalfire.  Il dolore non lo prova più, ci si è abituata. Ogni mese i crampi e le fitte ci hanno forgiate al peggio, a spingerci oltre nelle condizioni peggiori, come la galleria laziale chiusa e fattela a piedi sotto la pioggia, con il tacco 10 e il tailleur.

Ci hanno scolpite nella pazienza e nella forza

Sono anni oramai che si aspetta, si pianifica, ci si riduce e ridimensiona, perché loro non sono pronti. E allora ti affatichi, li ricopri di attenzioni e cure, ma non troppe perché altrimenti li soffochi. Io davvero vi dovrei soffocare col cuscino mentre dormite. Ma siamo deboli e continuiamo a viziarli a farci accettare, ad arrivare a questi cazzo di compromessi che già la parola suona male di per sé.

Il Risentimento da generosità extra double

Le paste e fagioli con la cotica cucinate ad arte a fuoco lento, con i fagioli secchi messi in ammollo la sera prima. Gli oli profumati per i massaggi e le volte che volevi dormire abbracciata ma lui no, non voleva perché ti muovi.

O di quell'altro che we have an expiration date, manco io fossi il cartone del latte che a Settembre scado. I mesi ad aspettare e le volte che non chiamava, la preoccupazione degli attentati, mettiti e vai su google news e scopri che lui si è addormentato e tu a casa alle 11 di sabato sera per non perdere la video chiamata. È una vita passata a fare Penelope, ad aspettare le loro attenzioni o il loro ritorno. Poi dici ma come mai sei così acida con gli uomini? Mah forse perché dovete fare un falò. Un bel rito pagano di fine estate, almeno facciamo una bella vendemmia.

Che poi Penelope, la poveretta aspettava il re degli achei, non un artistoide insoddisfatto, uno skywalker pazzo o una mezza pippa qualsiasi. Cioè Ulisse aveva pure sconfitto un attimo un attimo l'esercito di Troia. Lui non è uno che ti fa " non trovo parcheggio mi sono esaurito e ce ne andiamo" la sera del suo compleanno che gli hai prenotato un sushi a sorpresa e lui è talmente un mezzo uomo che non riesce nemmeno a pazientare per un parcheggio. Ulisse teneva le palle, le palle dire ok c'ho una moglie, un figlio e un regno, Calypso sei troppo tosta ma nun è cosa, è tempo di fare l'uomo.

Ma non sarebbe bello, dico no solo per un nano secondo, essere una femmina cretina?

Quelle che guarda caso nella vita hanno sempre desiderato, da tutta una vita, una lunga lista di cose costose, e che guarda caso se ne ricordano sempre appena trovano il fidanzato-zerbino. Non sarebbe bello per un attimo, chiudere gli occhi e sapere di non essere la più forte nella stanza? Quando si è "i più qualcosa", si creano delle aspettative. La gente si aspetta che tu mantenga quello status, sempre, cioè come se io fossi priva di svegliarmi con le palle trifolate la mattina.

No, non sarebbe bello essere una femmina cretina. Una che non sa nemmeno cambiare un toner. Non potrei vivere con il pensiero di essere dipendente da qualcun altro. Di stare  per forza con  qualcuno perché debba a badare a me. Impossibile. Non scherziamo, la vita e' uno scambio e se qualcuno bada a me io gli devo dare la cosa piu' preziosa, la libertà. Perché' nella vana ricerca di quell'amore unico, quello che provi una sola volta. L'amore che te lo senti sotto la pelle che ti riempie e ti soddisfa come un pranzo domenicale. Ebbene, in questa ricerca ormai vana, sono arrivata a capire che non mi ameranno mai come potrò' amarmi io. Non c'e' partita, non ce la potete fare, non siete in grado di competere con me. Sorry but not sorry.

Se questo e' quello che c'e' per cena, inizio un digiuno serale.

Non ho bisogno di un fratello, in fin dei conti, non ho più' bisogno dell'uomo che mi protegge, con tanto di spada mantello e scudo. Non serve, non a me, forse alle cretine, ma io non saprei che farmene. Quindi si forse mi do all'ippica e faccio l'amazzone oppure no Lady Oscar, o anzi tutte e due. Come in the Mindy Project, mi devo trovare il nome da inner warrior, quella che mi ha protetta fino ad ora. La mia guerriera regina delle amazzoni sconfiggera' i poveri di materia grigia, i professori, gli omicron, gli indecisi, quelli che si spaventano. Lo farà deridendoli, rispondendoli a tono, facendogliela desiderare e negandogliela sul più bello.

Rispondi

Share the Chipped
Share the Chipped