Vai al contenuto

Ci sono un paio di cose che mi fanno girare le palle come poche, gli arrangiamenti jazzy lounge dei pezzi rock e pop, la moda dei pistacchi manco stessimo a Bronte, non mi fate nemmeno iniziare sui cibi bio e gourmet che mi sale un nervoso che poi dite che sono nazifascista.

Friends GIFs - Find & Share on GIPHY

Facciamo che lasciate stare la musica e voi andate a cercale mine inesplose?

Io vorrei dire a tutti quei geni delle case di produzione e dei musicisti che fanno 'ste cacate mondiali degli arrangiamenti jazzy lounge gonfia wallera delle canzoni rock e pop- si pure Il pop tiene il diritto di essere difeso da 'ste merde- ma vi pagano per incidere queste cose? Cioè, siete felici di produrre musica che andrà esclusivamente in catene di bar e ristoranti di pseudo qualità? Ma non volevate fare gli artisti, liberi di esprimere il vostro vero io attraverso la musica?
Perché avete fallito, miseramente.

Star Wars GIFs - Find & Share on GIPHY

E non come la laureata in lingue che finisce ad insegnare inglese, perché quello non è un fallimento. Anzi, le povere criste non tenevano manco mezza raccomandazione e dovranno pur pagarlo st’affitto. Si spaccano le corde vocali e con le orecchie sanguinanti sentono fatti tipo more good, quando gli va bene more better.

No qua parliamo del fallimento artistico per eccellenza, voi sapete di produrre merda per quella categoria di gente troppo ignorante per sentire il jazz vero ma troppo poco per ignorare il fatto che non sono all’altezza.

Anche se è jazzy lounge è sempre Britney Spears

Voi producete la musica per i finiti intellettuali. Non i radical chic che abitano in centro e vestono con vestiti sformati in canapa, con le scarpe a punta tonda di pelle rossa. No, peggio, per quella classe cerebralmente media che si è laureata con un voto mediocre e va mangiare il “buon cibo” in locali appena aperti solo perche "si porta". Per quelli che la pizza è da 50kalò, e che il panino da 12 morsi. Quelli che alle Figliole a Furcella a mangiare la pizza fritta non ci sono mai andati e non hanno idea della signora che vende le sigarette di contrabbando nella cassetta della frutta, con i capelli color semaforo. Per tutti quelli che hanno la tessera Coop e si sentono fieri di salvare il mondo a botta di caffè equo-solidali, buste riciclate e detersivi sfusi.

Quanto è facile brillare nella mediocrità, no sul serio da uno a dieci.

I vostri ascoltatori sono il fallimento del sistema d’istruzione italiano. Quando andavano al liceo facevano i compitini e prendevano per buone le stronzate dei professori. Non sono mai andati oltre il minimo sindacale, non si sono mai chiesti perché dobbiamo cambiare libro di storia quando ci sono scritte sempre le stesse boiate. Non hanno mai cercato di capire perché Giordano Bruno sia andato al rogo, e Galileo abbia abiurato.

Sono quelli che leggono un sacco però cose dalla scrittura accattivante, cose “profonde” come Baricco, e si illudono di essere meglio degli altri.
Se il termine di paragone che avete sono i poveri cristi dei quartieri popolari, che a stento sanno leggere i titoli della gazzetta, grazie al cazzo che siete meglio.

Game Of Thrones GIFs - Find & Share on GIPHY

Andate a fare la spocchia con chi legge Camus, Joyce, Céline, gli autori russi e il teatro d’avanguardia tedesco. Andate a fare i bravi ragazzi colti con chi va a vedere le mostre di Kosuth e Sol Lewitt. Fatevi fare le palle ad organetto dai laureati in filosofia teoretica e poi parliamo di quanto siete colti e intellettuali.

Perché se uno fa una cosa in un modo, che diritto avete di fare a capa vost’?

E voi dell’industria musicale, state rompendo le palle co 'ste versioni ignoranti della musica che mi piace. Se mi piacciono i Radiohead, non è solo per la melodia e il testo. Mi piacciono perché porca miseria se volevo sentire il jazz mi sentivo quello.  Mi sentivo quello vero però,  roba da due ore di concerto con le palle a terra sbriciolate in polvere finissima. Perché si, io penso che il jazz è una palla e sono fiera di dirlo ad alta voce.  Perché io a differenza dei vostri ascoltatori non devo provare un cazzo di niente a nessuno. Non dove fingere di essere una versione consentita di me stessa per sentirmi intelligente. So che il jazz ha un’importanza fondamentale nello scenario musicale internazionale ma a me nun me piac’. E soprattutto se sto di genio e me lo voglio sentire non mi sento questi surrogati sottosviluppati che rovinano il nome di un grande genere musicale e distruggono pezzi che andavano già bene così.

Siete come quelli che fanno il cioccolato con oli vegetali e pasta di cacao invece che con cacao puro e  burro di cacao.
Siete gente senza gusto.

Film GIFs - Find & Share on GIPHY

21

"Il marines,  il batterista, il fotografo, il super professore universitario, il truccatore, l'artista, l'ufficiale di Marina... Ma mai che dicessi che ne so l'impiegato alle poste o una cosa più normale... allora vedi che secondo me sei tu che te le cerchi."

"in effetti c'hai ragione, sono io, c'è qualcosa in me che non va. Precisiamo, l'unico con cui volevo impegnarmi era il marines, degli altri poco me ne fotte. Anzi, non c'e' stato nemmeno niente."

Conversazione iniziata con un amico qualche mattina fa. Io ci rimugino sopra e penso, in effetti e' vero, ha ragione solo gente con mestieri assurdi. Nessun uomo normale, nessun impiegato alle poste.

No, no, momento, momento. Io non sono una da impiegato alle poste, da ufficio contabile, da paghe e contributi.

No per carità! Io non sono un comune tubino nero, sono un signature piece di Moschino, sono l'ultima collezione di Dolce e Gabbana con tanto di fuochi d'artificio sul lungo mare.

L'impiegato comunale è per la miss mutanda Jadea, con il pantalone blu notte e la polo beige. Sempre quella che alterna le hogan ai mocassini. Che non osa, veste il giusto non sconfina mai. Io non posso mettermi con l'impiegato comunale con la sciarpa da brav'uomo, il pullover color carta da zucchero e il pantalone classico-sportivo con i fazzoletti di carta nella portiera del guidatore. No! Mi rifiuto. Si è vero non ho avuto molta fortuna, ma chi ha detto che io ne voglia? Chi ha detto che io voglio sistemarmi. Cioè questa sarà la mia prima estate da single in 12 anni. Minimo qua ci escono tre o quattro post così, già la prima settimana di luglio.

Ma chi mi ferma più! I'm freaking ready bitches.

Chiariamo un concetto molto semplice e basilare. Se pure io volessi sistemarmi, non potrei stare con l'impiegato delle poste.

Cioè forse non si rende conto il mio amico, che non c'è partita. È come la Pruzzuzese contro il Real Madrid. È impensabile. Io non posso affiancarmi ad un tranquillo e molle piccolo borghese che in estate va in vacanza nel bungalow ad Acciaroli. L'impiegato è quello che non ha ambizioni e si accontenta delle cose mediocri. L'impiegato ha la Fiat, l'uomo punto. CI vuole un Alfa, una Lancia, una Land Rover, una macchina seria, no la Fiat.  Ma la cosa grave è che lui non lo sa nemmeno che si sta accontentando.

La consapevole anormalità della gente normale

Devi essere normale. Devi vivere una vita semplice. Un amore semplice. Fatti una famiglia, un bel marito poi i figli, magari trovi pure tu un lavoro più' sistemato. L'utilitaria presa a rate, il trasportino omologato, il ciondolino in oro bianco per Natale. La rassicurante mediocrità dell'elettrodomestico dell'Ariete,  l'impastatrice Delonghi, l'infisso in alluminio.

Le vite monotone tutte uguali, la camicia, il panino con gli amici, il sabato sera in quei pub col menù plastificato che la metà delle portate sono surgelati. I karaoke con la comitiva nei locali di provincia, quelli con le pareti a buccia d'arancia dai colori sfumati e le contro soffittature con i faretti a luce bianca. Loro vivono così, nella dozzinalità di una donna bella ma non troppo, intelligente ma nella media Loro sono i professori del liceo di provincia che premiano quella che andava a scuola con i compitini tutti fatti, nei quaderni ordinati in bella copia, che non andava mai oltre.

Il mio regno per il dolce sapore della libertà

Apparteniamo a due universi diametralmente opposti che non si incontreranno mai, io non lo voglio incontrare, lui mi vuole conquistare. Ci vedremo solo per i bonifici, il 730, e i vaglia postali. Non avremo mai nulla in comune, lui è convinto di essere quello giusto, forte sostenitore della campagna non c'è nulla di strano ad essere normali. Prendetevela la vostra autocommiserativa normalità, a me non interessa. Se un unico atomo solo e triste ne fosse stato attratto, non avrei esitato, sarei stata intelligente ma non troppo, avrei comprato le polo celeste carta da zucchero e il chino color kaki.

Io non voglio una vita così. Sono stata incubata in un limbo per 9 anni, ho lasciato il comfort e la sicurezza di un uomo che, a modo suo, mi amava, per fare un salto nell'ignoto. Come potrei, dopo aver assaporato il gusto dolce e deciso della libertà, accontentarmi di una monotona normalità. Di quell'amore fatto il giusto, senza chiedersi cosa vogliamo, cosa ci piace, ma dare per scontato che esiste solo quello. Mediocre come la penna Bic. Che non ha idea di farlo nel bagno del Bar Mediterraneo di Sabato sera, mentre fuori un branco di bruti bussa tipo white walkers. Non hanno idea di quelle attrazioni mentali che sei pazza e prenderesti la nave per attraversare il Tirreno per vederlo solo per una notte. Vivrei tutta la vita pensando che mi manca qualcosa.

So' passati 200 anni e ancora a vivere come nei romanzi di Jane Austen

Sei grande dicono, sei donna dopo non ti sistemi più, il tempo vola. Loro non capiscono che non mi interessa, non mi voglio accasare. Non sto aspettando Darcy che mi salva, non sono l'eroina di Jane Austen. Anzi, mi fa cacare Jane Austen, lei e la tranquilla vita di provincia, con quelle sue protagoniste che pensano solo a sposarsi. Mai che una dicesse "wa voglio andare a distillare whiskey sull'isola di Skye", no pensano al  corredo al matrimonio,  i confetti, i fiori. Come se ogni donna stesse aspettando l'uomo gentile che la salva dalla solitudine e dall'incertezza. Non c'e nulla al mondo di più squallido e triste che quello di stare in una relazione solo per non stare da soli. Aspettare quel qualcuno che ti tiene compagnia,che diventa la tua abitudine.

Ma che poi dai per favore, aspettare il Prince Charming, io qua l'unica cosa che aspetto con ansia è l'accredito dello stipendio! Quelle so' soddisfazioni.

Quando vogliono posteggiare ma sbagliano persona, concetto, frase

La posteggia ai tempi dei social è diversa rispetto a un tempo, quando era tutta un'attesa. Le acchiappanze prima si facevano di persona. Ti facevi rivedere nella stessa zona del tipo sperando ti notasse. Chiedevi all'amico dell'amica della sorella della salumiera della zia del ragazzo che abitava di fronte al tipo che ti piaceva se te lo poteva presentare. Radunavi parenti, amici e conoscenti in un summit che il G7 pare l'assemblea di istituto. Riuscivi a mettere le mani su un numero di telefono per puro caso. Con nonchalance cercavi di telefonare inventando le scuse più originali. Creavi raffinatissimi capolavori letterari, con tanto di trame intricate, suspense e figure retoriche. Ti hanno addirittura  messa in lizza per il Nobel alla letteratura. Prima il piacere dell'attesa era esso stesso un kitemmuorto. Oggi no, è tutto diverso, tutto uno scorrere insoddisfatti sulle bacheche altrui

Le postegge ai tempi del like

Ora è tutto subito, ti incontrano mezza volta e ti aggiungono su FB. Vogliono che rispondi adesso, e sii anche gentile. Ti arriva quella richiesta di amicizia mentre ti stai struccando e tu la guardi un tantino combattuta.

Disgust GIF - Find & Share on GIPHY

Combattuta, perché non te fotte di quella persona, sai già che non la vuoi conoscere, e vuoi premere rifiuta, bye bye Felicia. Però sei una merdella e non vuoi vuoi fare brutta figura con i tuoi amici. Non solo, la chiattona che c'è in te pensa che se non lo accetti pare che te la tiri e nessuna ciardona può tirarsela. Poi pensi che:

  1. Non sei più una chiattona ma hai il tuo grande livello di figaggine;
  2. Pure se io fossi ancora una chiattona, potrei permettermi di rifiutare/ignorare perché la mia frizzante e unica personalità è sufficiente a sentirmi un cazzo e mezzo.

La mia umiltà- deep inside anche io ne ho un poco-e senso di sottomissione giapponese prendono  il sopravvento e, in questa schizofrenia da disturbo della personalità, accetto.

Quindi cedi e accetti pur sapendo cosa ti aspetta

Accettare l'amicizia di uno di cui, me ne fotte molto poco, è un errore che ho fatto spesso nella vita. E non è che non mi interessano solo perché sono cessetti. Non è quello. Perché ci sono stati uomini, con cui sono uscita, che non erano belli. Molti avevano difetti fisici che alle volte possono risultare anche gravi. Quello che mi ha convinto di loro, però, è stata la personalità originale, diversa. Mi ha colpita il fatto che fossero unici e mentalmente attraenti. Quelli che ti aggiungo su FB dopo due secondi che ti hanno conosciuta, puntualmente si rivelano tutti uguali. Insipidi e banali spara stronzate o leggono Fabio Volo o vogliono fare i macho che non chiedono mai.

Seguono lo stesso identico copione:

"Ciao/buongiorno/ buonasera/ tutto bene?"

Il tutto bene lo abolirei dalla grammatica italiana

Ma tutto bene cosa? Sapete che vuol dire tutto bene? Vuol dire "sono una persona noiosa, che non ha nulla da fare e non sa come approcciarti e vorrei che tu mi intrattenessi". Che poi a te, piccola testa di cazzo, non te ne fotte se va tutto bene o va tutto una merda. Poi alle tre del pomeriggio che io ho già usufruito di in un bel numero di bestemmie ma non so se mi aspetta quello finale tipo mostro dei videogiochi tu te ne vieni, tutto bene? Non lo so ancora.

Non mi importa che sei interessato a me e che quello è il tuo modo di rimorchiare. Fa cacare il tuo modo, è insipido e inutile come il pane senza sale, e vorrei mandarti a fare 10 minuti di scuorno dietro alla lavagna.

Retro GIF - Find & Share on GIPHY

Non è che perché il mondo fa schifo e degli uomini non c'è più traccia  io mi debba accontentare del "tutto bene". No perché, è banale. È mingherlino, scarno, disinteressato, mi fa cadere le braccia, davvero il tutto bene no.

La risposta che finisci per dare VS quella che vorresti dare

Che poi ti dicono 'sto tutto bene, quando tu hai appena avuto conferma che lavori il 2 giugno e non sai se ti pagano lo straordinario. Tu che ingenua, volevi annegare nel white lady dal primo fino al coma etilico del 4, non puoi perché lavori! Nel frattempo hai mangiato la mela con la buccia che ti si è incastrata nei denti e allora vai in bagno e ti va a finire una goccia di dentifricio sulla camicetta nera, macchia che, sai, non si toglierà mai. Tu, che avevi un appuntamento dopo il lavoro ti presenterai lì con una macchia bianca sulla zizza sinistra. Embrace yourself, le battute idiote dei colleghi a raffica, are coming.

Ned Stark GIF - Find & Share on GIPHY

Vai per bestemmiare e entra il tuo capo, allora tu con nonchalance trasformi il che sfaccimma in che sfavillante giornata di sole! Alla faccia del problem solving. in questa tipica mezza giornata molto chipped, loro stanno lì che ti bippano, piripì, piripì. Ti tocca rispondere per arginare questa perdita improvvisa di scartavetramento di palle. Gli vorresti dire "tutto bene stica" ma non riesci perché sei troppo gentile

"Si tt ok grzie e a te ?"

Non si limitano al tutto bene ma ti deliziano con le loro cazzate

Ti tolgono la gioia di vivere con sette miliardi di messaggi inutili, ti hanno detto di tutto. C'è il limitato che parla del tempo o del lavoro e il massimo che ti abbia mai chiesto è che hai fatto sabato. Il simpaticone, che pensa di scherzare e spara stronzate sul genere "attenta che poi ingrassi" lol. Fino al diretto "io due botte te le darei" passando per il caf " Tesò comm' staije bell' rind a sta fortografia". Poiché ogni tanto una dignità la tieni pure tu, la maggior parte delle volte non rispondi. Hai imparato a sopravvivere con i pallini rossi delle notifiche.

Anatema, non mi hai risposto. Dopo manco 20 minuti di assenza ti arriva subito il messaggio. Tipo  che se sei morta strozzata, con un pezzo di tortano di traverso ti becchi pure la cazziata.

Ci sono due tipi di reazioni la vittima e l'uomo Denim. Il primo, vuole fare l'approccio delicato, quello in punta di piedi, con il punto dopo il ciao che ti dovrebbe solleticare il senso di colpa innato, ma tu stai per finire il master in cazzimma .

"scusa non ti volevo disturbare, vedo che sei impegnata. Vabbe' scusa. Ciao."

L'uomo Denim, l'aggressivo che non ci può pensare, una femmina non lo ha risposto. Allora si fa vedere disinteressato, perché lui no, da te non voleva nulla.

"Oh ma che tieni? io comunque ti ho scritto e tu non mi rispondi. Ma che ti ho fatto? oh io mica volevo chissà che da te, Oh stai calma.  O ma chi ti credi essere. Mah"

Onesta e brutale is the new carina e coccolosa

Io devo smetterla co st'ipocrisia, basta con questo perbenismo. L'educazione per paura di sembrare una figa di legno. Siete voi che siete dei cerbrolesi, che sbagliate approccio. Siete tanti inceppati oppure peggio vi pigliate certe confidenze, che ringraziate che non me lo avete detto di persona, altrimenti a sediate sulle gengive. Basta da oggi questa sarà la mia risposta:

"no giornata di merda, quindi se non hai niente di meglio da fare, vatti a fare i camini delle fate a piedi e sperditi tra le Zelve della Cappadocia".

Devo essere onesta con me stessa e con gli altri, devo scremare. Come fa mia mamma con la marmellata, si mette con la schiumarola e toglie le impurità che galleggiano sulla frutta. Allora bellina bellina,  mi dovrò mettere anche io con la schiumarola e togliere tutte le schifezze che sbarcano sul mio FB.

Refinery 29 Gifs GIF - Find & Share on GIPHY

You better taste good baby.

Share the Chipped
Share the Chipped